Islanda, 20—30 luglio 2018 

Si parte per Holmavik dove comincia l'esplorazione della penisola di Strandir fino a Krossneslaug, la terra della stregoneria. Dormiremo vicino al museo dedicato alle arti magiche pagane per cui gli abitanti dello Strandir sono famosi. Arriveremo a nord, dove finisce la strada percorribile in auto, oltre il villaggio di pescatori di Djupavik, con la sua fabbrica di aringhe abbandonata, e faremo il bagno nelle acque termali di Krossnelaugh (39°C), con davanti il gelido mare di Groenlandia.

Ripartiremo poi per Isafjordur, percorrendo la strada dei fiordi tra piccoli villaggi di pescatori e colonie di foche per arrivare alla capitale dei fiordi Occidentali: Isafjordur. Aspetteremo le navi al ritorno dalle loro lunghe battute pesca e racconteremo le intense operazioni di scarico del pescato.

Ci spostiamo quindi a Patreksfjordur, attraversando la penisola sulle strade sterrate interne che dal mare salgono per scavallare le alture, ci fermeremo a dormire sull'ultimo fiordo, nell'ultima fattoria abitata. Oltre c'è solo la scogliera di Latrabjarg, con le colonie di puffin e uccelli marini che tornano qui ogni estate per riprodursi.

Con il traghetto raggiungeremo l'isola di Flatey dove passeremo la giornata sulle tracce di un celebre romanzo e di un enigma misterioso. La sera navigheremo verso la penisola di Snaefellsnes, che esploreremo nei due giorni successivi, prima di rientrare a Reykjavik.

Tappe

Partenza da Reykjavik il 20 luglio per Holmavik
20-21 luglio: Holmavik (dove dormiamo 2 notti)
22 luglio: si va verso Isafjordur (dormiremo a Bolungarvik 3 notti 22-23-24 luglio)
il 25 ci spostiamo a Patreksfjordur (pernottamento a Haenuvik cottage) due notti (25-26)
il 27 luglio traghetto per Flatey (isola meravigliosa... sembra la terra dei folletti) e giornata sull'isola (pernottamento di tre notti in guesthouse nel cuore della penisola di Snaefellsnes che esploreremo negli ultimi tre giorni)
il 30 mattina rientro a Reykjavik: dove, ultimati i lavori, ci saluteremo 

Programma fotografico

È come un grande reportage itinerante, sapendo che il reportage può assumere diversi tagli narrativi, da testimonianza diretta a diario di viaggio, nei 10 giorni vi guiderò allo studio e all’esercizio della struttura narrativa del racconto fotografico combinando la capacità di ogni fotografo/viaggiatore con la sua esigenza di raccontare.



Tutte le immagini saranno visionate e discusse ogni sera con un’analisi del linguaggio utilizzato e con suggerimenti in merito al miglioramento della qualità fotografica, all’approfondimento delle tematiche proposte, all’efficacia comunicativa e all’orientamento nell’editing finale.


Foto di Giovanni Marrozzini

Prezzo

2.100 euro

la quota comprende
  • workshop di 10 giorni
  • tutti gli alloggi dal 20 al 29 luglio compreso
  • due fuoristrada 4×4 comodi e ben accessoriati per tutto il tour dell'isola che prevede anche la salita in fuoristrada al famoso Vulcano ispiratore di Jules Verne, lo Snaefells

la quota non comprende
  • volo aereo (200/250 euro se preso per tempo)
  • benzina 80/100 euro a testa
  • cassa comune di 350 euro per il vitto (colazioni e cene) visto che ci cucineremo sempre questo ci permetterà di abbattere i costi e guadagnare tempo per l'editing serale

Il pranzo è escluso per darvi la massima libertà. Così accontentiamo tutti: quelli che non pranzano perché fanno foto a oltranza, quelli che vogliono una zuppa calda, quelli che la torta al cioccolato non me la perdo per niente al mondo, quelli che io invece stravedo per la torta alle carote, quelli che vai di pane alla segale con salmone affumicato e birra locale, quelli che mi faccio il panino e me lo mangio quando mi viene fame :-) Idem per gli alcolici, per cui eventualmente si farà una cassa a parte.

massimo 8 partecipanti per 2 fuoristrada

per prenotare basterà pagare una caparra di 350 euro 

per informazioni e prenotazioni scrivere a info@marrozzini.com

Facebook